Sogni di provare o di acquistare il Flyboard per la prossima estate? Ti appassiona l’Hoverboard?

Con questo articolo intendiamo dare il nostro contributo per rispondere ad alcune delle più interessanti domande pervenute alla nostra casella di posta elettronica in modo da togliere qualche dubbio ai nostri lettori oltre ad incoraggiare i nostri fans a provare e per chi può ad investire in questa fantastica disciplina per volare nell’acqua.

Il primo dubbio per molti amatori è se il Flyboard possa essere praticato autonomamente o mediante l’utilizzo di un mezzo ausiliare a motore. Confermiamo che non è possibile tutt’oggi l’utilizzo di questo strumento del divertimento da solo senza che lo stesso venga agganciato al propulsore di una moto d’acqua con una potenza compresa tra i 100 CV e non oltre i 300 cv.

 

Comunque sia, va specificato che con un kit accessorio, il cosiddetto Kit elettronico, sarete completamente autonomi senza la necessità di una seconda persona a bordo della moto, con l’obbligo però di essere muniti di patente nautica almeno entro le 12 miglia (se richiesta nel Paese di utilizzo della moto d’acqua, come ad esempio in Italia).

Un’altra interessante domanda che ci è pervenuta è se in commercio siano disponibili delle calzature specifiche per “agganciarsi” al Flyboard e se sì dove è possibile acquistarle. In realtà, le scarpe sono già comprese nel kit base di acquisto o presso il noleggio e state tranquilli, le misure vanno dal numero 35 al numero 45. Per le ragazze con numeri più piccoli e per le signore, si possono utilizzare calzini in neoprene similari a quelli spesso utilizzati nel wakeboard.

Passiamo ora alla pratica e all’apprendimento del Flyboard. Ci sono pervenute molte domande chiedendoci se questo sia uno sport pericoloso, se siano obbligatori dei corsi con l’attestazione di un brevetto o se l’apprendimento sia immediato senza l’ausilio di un istruttore.

 (Avevamo parlato di Hoverboard anche qui)

Andiamo con ordine. Facendo il corso con l’istruttore qualificato, bastano 5-10 minuti per essere autonomi nell’utilizzo di questo strumento del divertimento. Tale corso è obbligatorio e consente di apprendere sin dal primo utilizzo tecniche e astuzie che permettono di essere autonomi subito e usare al meglio il proprio Flyboard.

Ci è stato inoltre chiesto quanto in alto è possibile volare con il Flyboard. La risposta è molto semplice. Non importa quanto in alto è possibile andare, ma quanto vi piace osare e quanta adrenalina avete voglia di provare. I limiti sono dati da un tubo della lunghezza di 18 metri e ovviamente dal grado di apprendimento. il Ministero dei Trasporti ha definito come altezza massima 10 metri e il nostro consiglio è di non oltrepassare questo limite se non affiancati da un istruttore qualificato in un luogo circoscritto e preposto alla pratica.

Ultimo ma non per questo meno importante ci è stato chiesto se c’è un limite di peso per la persona che desidera utilizzare il Flyboard. No, non c’è limite di peso per utilizzare il Flyboard. La facilità di librarsi nell’aria dipende dalla potenza in cavalli della moto d’acqua. Nient’altro.

A questo punto, non resta che provare questo nuovo divertimento sull’acqua! Rassicuriamo molti lettori confermando che in Italia sono già presenti molti luoghi per la prova dal vivo di queste discipline e di seguito vi segnaliamo quattro località dove poterle provare:

Prova Hoverboard in Sicilia: http://bit.ly/hoverboard-sicilia

Prova Hoverboard in Liguria: http://bit.ly/hoverboard-genova

Prova Hoverboard al Lago di Garda a Verona: http://bit.ly/hoverboard-garda

Prova Hoverboard al Lago Maggiore: http://bit.ly/hoverboard-maggiore