A volte capita di trovarsi in un contesto, una situazione, dove si rimane quasi stupiti, increduli di quanto la natura, in tutte le sue sfaccettature, possa offrire sempre qualcosa di sorprendente. L’entusiasmo e la voglia di nuove avventure e stimoli diversi, diventano un pretesto per scoprire quello che molti danno per scontato.

Eppure a volte basta veramente poco per creare tanto. Basta un’idea e un gruppo di persone che condividono un piccolo progetto, per farlo diventare radicato agli occhi degli altri. Lo sport, ha il potere di unire le persone creando gruppi coesi che inseguono un sogno. Il proprio sogno.

Quante volte capita di viaggiare, inseguendo mete distanti alla ricerca di quello che non troviamo attorno a noi. Siamo come dei surfisti a caccia di onde perfette, ma osserviamo poco quello che ci sta attorno.

Un esempio di tutto ciò, è il progetto di Chris Del Moro, surfista e artista californiano, il quale ha deciso di girare un film nel nostro bel paese con la sua immancabile tavola da surf, scoprendo non solo insenature e baie perfette per surfare in compagnia, ma coinvolgendo un gruppo di persone in quello che diventa un viaggio alla scoperta di una terra piena di risorse e luoghi nascosti da scoprire.

Accompagnato da uno dei più grandi film maker, Jason Baffa, oltre che da un grande team di professionisti tra cui il noto Leonardo Fioravanti, fenomeno Italiano del surf, racconta l’Italia “californiana” attraversando i sentieri più nascosti esplorano luoghi dove la cultura del surf sembra esserci sempre stata, grazie alla bellezza del Mediterraneo.

Un film documentario, capolavoro nel suo genere, con un cast di talenti che ha saputo intercalarsi nella parte grazie al proprio modo di essere. Perché per un surfista si sa, conta più il rumore dell’onda. Quel rumore, diventa un’avventura tra amici alla scoperta di un paese che è bello e unico come la sua forma.